vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Vincersi, Raccolta fondi Paraclimb

Siamo Giulia, Giulio e Matteo e siamo atleti bolognesi della squadra non vedenti Arrampicata Sportiva/Paraclimbing CUS Bologna. Dal 2010 siamo agonisti di questa difficile quanto bella pratica sportiva, sintesi di intelligenza motoria e controllo mentale. Ci stiamo allenando per i Campionati Europei Chamonix 2015 e per i Campionati del Mondo Parigi 2016. Entra in squadra con noi e aiutarci a raggiungere la presa più alta.

dal 16/04/2015 alle 12:25 al 04/07/2015 alle 12:25

Aggiungi l'evento al calendario

L’arrampicata è lo sport che amiamo e la nostra squadra è nata nel 2010. Ci alleniamo e partecipiamo a competizioni nazionali e internazionali ormai da anni. Nel nostro prossimo futuro ci sono i Campionati Europei 2015 di Chamonix e i Campionati del Mondo 2016 di Parigi, nonché le altre competizioni internazionali di Paraclimbing Cup e le gare del circuito nazionale in calendario, per il momento Montebelluna, Torino, Milano e Gessate.

Stiamo lavorando duramente in vista di questi importanti obiettivi. Il nostro programma prevede due o tre allenamenti settimanali, nonché allenamenti a settimane alterne in grandi strutture fuori Bologna, che offrono un terreno simile a quello delle gare e che si trovano a Verona, Treviso, Trento, Bolzano e Dobbiaco. L'esistenza della nostra squadra è qualcosa di unico, sia a livello nazionale che nel panorama internazionale e siamo orgogliosissimi di essere un'eccellenza tutta bolognese. Solitamente infatti gli atleti non vedenti si allenano individualmente, in un rapporto di uno ad uno, poiché necessitano della presenza di un tecnico che funga anche da guida

.

Per la stagione 2015 dovremo autosostenerci economicamente, poiché la nostra parete di arrampicata è stata resa inagibile in attesa di fondi per il suo rifacimento e adeguamento e pertanto non ci sarà l’attività promozionale a sostenere i costi della stagione agonistica in corso. Inoltre, lo spazio di parete attualmente utilizzabile dalla squadra è molto ristretto e non consente allenamenti specifici. Per l’arrampicata con la corda utilizziamo così un'altra struttura cittadina e nei festivi facciamo, a settimane alterne, trasferte in giornata e a volte veri e propri stage di allenamento fuori regione, in strutture più grandi e dunque più adeguate.

I costi minimi stimati per coprire le trasferte per gli allenamenti e le gare, comprensivi di frequentazione strutture esterne, tecnici, tasse d'iscrizione alle gare, vitto e alloggio si aggirano sui 10.000 euro. Siamo perciò alla ricerca di fondi che possano sostenerci nel raggiungimento degli importanti obiettivi sportivo-agonistici 2015/2016. Obiettivi in cui noi crediamo, sostenuti da anni di impegno, di risultati centrati e dalla smisurata passione che abbiamo per questo straordinario sport, che è per noi palestra di vita.

Per questa stagione chiediamo anche a voi di crederci e di darci una mano. Chiediamo a chi ci vede e ci vedrà nelle sale di arrampicata o nelle falesie di crederci insieme a noi e di sostenerci con un contributo. Così, quando vi parleranno di arrampicatori non vedenti, non solo non vi stupirete, ma potrete anche dire di far parte della nostra squadra e di avere contribuito alla cultura dell’arrampicata. E non solo.

Al nostro team partecipano diversi tecnici: oltre alla nostra allenatrice Carla Galletti, ideatrice e anima della squadra, che ci allena e dal basso ci guida durante le gare, nel 2015 è e sarà con noi Federico Stella, trentino, studente di scienze motorie a Bologna e Istruttore FASI.

 

Inoltre, nel 2013 è iniziata la bellissima amicizia con Pietro Dal Pra, guida alpina e icona dell'arrampicata moderna, che si è dedicato a noi con sempre crescente partecipazione e autentica passione, facendoci generosamente dono di tutta la sua inestimabile esperienza arrampicatoria, tanto che oggi abbiamo l’incredibile privilegio di averlo con noi in squadra.

Vincersi” è il docufilm che, grazie all’iniziativa dei bravissimi Mirko Giorgi ed Alessandro Dardani, racconta la nostra storia, non solo come arrampicatori, ma anche come giovani non vedenti, cogliendone con ritmo, freschezza e originalità l’intima essenza. Finalista al Filmfestival di Trento 2014, l’obiettivo discreto di “Vincersi” riesce a stupire, mettendo a fuoco la viva e profondissima relazione sia tra di noi che con i nostri tecnici, e mostra come il training sportivo, intessuto di elementi tecnici, educativi, sociali e umani, si trasformi in una palestra di vita e in un fertile terreno di speciale condivisione. “Vincersi” è pertanto diventato il nostro speciale vessillo, cavallo di battaglia attraverso cui divulgare non solo cultura, capace di abbattere pregiudizi, ma anche il nostro progetto di microfinanziamento, perché niente ci rappresenta meglio di questo film. Date un’occhiata al calendario delle proiezioni che troverete aggiornato in queste pagine.

 

Ulteriori informazioni su questo evento…